Il brivido, quell’increspatura che solleva la pelle in tanti punti, che a passarci sopra la mano la senti ruvida e ne percepisci il tremolio. Quello che muore tra le labbra in un sorriso con stupore. Quello inarrestabile del terrore e scuote il corpo pietrificato dal timore. Il brivido del freddo sul corpo, che non punge solo per il gelo; quello caldo del fuoco che non è solo fatto di fiamme. Il brivido che cresce di intensità lungo la schiena per un tocco lieve; quello prepotente che nemmeno il tempore riesce a calmare. Il brivido di un’emozione risvegliata dal contatto; quello fugace di un ricordo; quello sollevato dalla paura di un fallimento. E in ogni caso il brivido che ti scuote e ti ricorda che sei vivo e senti questa vita sulla pelle.

Annunci