Il fumo, quello che si alza da macerie che bruciano intorno offuscando il pensiero. Quello di sigarette fumate nella solitudine e nel silenzio notturno che disegna figure arricchite dall’immaginazione onirica. Quello che ti gettano negli occhi con le menzogne, per confonderti con false verità e comode bugie. Il fumo di un passato che arde nel dimenticatoio tentando di occultare ciò che non si vuole più ricordare. Quello bianco del vapore che profuma di calore e bagna la pelle sfiorata. Quello ricco di odori soffocanti. Quello sollevato per enfatizzare la finzione in un ambiente affollato. Quello creato volontariamente per distorcere e confondere la realtà che non si accetta. E che a volte solo tempo e forza possono diradare.

Annunci