Tag

, , , , , , , , , , , ,

Sono figlia di una realtà a cavallo tra due generazioni. Se provo a paragonare il mio presente a quello che hanno vissuto i miei genitori – nati in pieno secondo conflitto mondiale – posso dire che la mia realtà è fatta di agi ma anche di sprechi.

Ricordo le litigate adolescenziali con mio padre che si opponeva all’acquisto dei miei anfibi perché proprio non riusciva a capire come potessi volere indossare per moda e piacere delle scarpe pesanti e rigide che lui era stato costretto ad usare durante gli anni duri del servizio militare…
Ricordo i miei nonni che tenevano con devozione e cura le scarpe della domenica e usavano per i lavori nei campi scarpe impolverate, usate fino allo stremo….
E poi penso a Carrie Bradshaw…. al suo armadio/camera pieno di scarpe super costose e super fashion, desiderio di tante mie coetanee e ragazzine che cambiano paia ad ogni abbigliamento, che non resistono alla tentazione di comprare l’ultimo paio alla moda visto in quella vetrina…

Ok, il divario tra un pensiero e l’altro, tra una realtà e l’altra è davvero enorme, ma se faccio un parallelismo…

Oddio, non fraintendetemi, non sono feticista ma apprezzo gli agi nei quali viviamo, e anche io adoro le mie scarpe (ne ho pochi paia ma buoni!!). Solo che a volte temo il futuro a cui ci condurrà tutto questo: è davvero più importante possedere un numero superfluo di scarpe che godersi il cammino?

Annunci