Già soffermandosi qualche istante sul titolo di questa raccolta di racconti firmata da Carlo Sperduti e edita dalla Gorilla Sapiens Edizioni – “Un tebbirile intanchesimo” – non si può che storcere il naso, stropicciarsi gli occhi per essere certi di aver letto bene e sorridere.

A confermare questa volontà dell’autore c’è la quarta di copertina, scritta nello stesso stile. Infatti, protagonisti della raccolta sono parola e linguaggio più di ogni altro personaggio.

L’autore si diverte a giocare e manipolare la scrittura in modo da adattarla a racconti umoristici e amari, veloci e surreali, talvolta ambigui e paradossali, che riescono a catturare l’attenzione del lettore con una narrazione che talvolta somiglia a quella di favole e filastrocche, ma anche capace di lasciare un senso di inquietudine.

Insomma, una serie di racconti in cui è difficile non individuarne uno almeno che ci trovi d’accordo.

La scrittura di Carlo Sperduti si distingue per uno stile accattivante e ironico, assolutamente da assaggiare.

Annunci