Il corpo, parla attraverso gli istinti e non ascolta. Quello che racconta lo scorrere del tempo, scrivendolo in ogni ruga, insinuandosi tra i fili bianchi dei capelli. Il corpo curato e modellato affinché si avvicini quanto più è possibile all’idea di noi che vogliamo mostrare. Il corpo deturpato. Il corpo violato. Il corpo che cambia. Il corpo sbagliato nel quale ci sentiamo come farfalle intrappolate dalle ali forate. Il corpo agghindato con abiti e trucchi, mascherato per nasconderne i difetti e le insicurezze che lo albergano. Il corpo mostrato senza pudore, senza alcun velo, accettandolo e rispettandolo perché è il nostro tempio. Il corpo che è come un abito. Il corpo che con i suoi difetti ci distingue comunque da tutti gli altri.

Annunci