La superficialità che fa lasciare lo sguardo sul pelo dell’acqua senza mai scendere a fondo, lì dove giace un mondo incredibile da scoprire. La superficcialità che rende ciechie non permette di conoscere, chiude la mente e rende ostili; che non fa gustare l’essenza delle cose e distorce la visione reale, totale. La superficialità che fa accontentare delle briciole e cela il vero gusto delle cosr; fa trascorrere il tempo senza sentirne l’importanza sulla pelle, senza viverlo davvero, ma accontentandosi di convinzioni finte e distorte. La superficialità che fa voltare le spalle prima di scorgere cosa si cela dietro l’angolo; che fa prevalere la paura; che rende irrispettosi verso gli altri; che non fa ascoltare i toni e le voci, e fa dimenticare gli odori. Che impedisce di costruire ricordi. La superficialità innata per alcuni che riescono a rimanere a galla, dannosa per chi è incapace di accontentarsi e nascondersi dietro una maschera.

Annunci