La corda. Quella che lega e tiene unite le parti; quella che non lascia liberi, che incatena, che stringe fino a lasciare un segno, che sega fino a formare un solco profondo. La corda reale che soffoca; quella concessa che a tirarla troppo si spezza; quella che si consuma nel tempo e quella che mette fine a una disperata sopravvivenza. La corda che stringe i polsi e incastra; quella tesa che unisce un punto da abbandonare e uno da conquistare. La corda su cui voli come un angelo e ti fa sentire libero; la corda sospesa, quella su cui cammini in bilico sfidando la forza di gravità, sfidando mille avversità che ti vogliono far cadere e stramazzare al suolo. La corda da spezzare come un legame malato, che devi fare per sollevarti davvero in volo.

Annunci