Mi sciolgo
come il tocco lieve che lasciano le dita mentre sfiorano le labbra per rubarne il sapore
Ne rubo qualche goccia e lo catturo nel palmo della mano
Avvicino lo sguardo e i miei occhi ne scorgono il colore
Se ne appropriano per disegnare un sogno nella notte che avanza
Ed è fuoco
Brama
Fame
L’immagine costruita dai miei sensi che si aggrappa alla retina e rimane appollaiata dove nessuno può scorgerla
a parte me che la rendo concreta e accessibile vestendola di parole
quando la notte diventa profonda
il rifugio perfetto per liberare i sogni
annullare gli impedimenti e correre leggeri

Resto immobile qualche istante ad occhi chiusi
Passo la lingua sulle labbra
e mi sembra di assaporare un nuovo elisir
Lo riserverò ad una nuova notte…
Così…

Annunci