La spina. Quella che protegge le rose, ricordandoti quanto è prezioso l’essere che stai cogliendo. Quella che ti entra lentamente nel fianco e punge e ti fa sanguinare restando conficcata e nascosta a pizzicarti ed ammonirti. La spina che ferisce e ti lascia un segno sotto la pelle. Quella invisibile. La spina dorsale che ti tieni ritto, in piedi, ad affrontare qualunque difficoltà. Quella che conduce energia e riporta la luce dove è tutto buio e immobile. La spina che da l’input. Quella che sta a principio delle cose, degli stimoli. La spina che spegne e che da origine. La spina che, seppur piccola, difende.

Annunci