Il fiato. Quello corto dopo una corsa, dopo la fuga. Il fiato che mi togli quando mi guardi così. Quello che si accorcia nel terrore di non potercela fare. Il fiato che si porta via la vita dopo un addio; l’ultimo, riservato alla morte. Quello che se ne va quando giunge l’ora di un nuovo viaggio. Il primo fiato del pianto che apre i polmoni. Il fiato che si condensa sul vetro; quello che evapora dalle nostre labbra quando fa freddo. Il fiato con cui ti riscaldo d’inverno; quello che ansimano gli amanti quando si desiderano nel buio. Il fiato che si nasconde tra gli organi e quello che vedi esplodere negli occhi. Il fiato che si porta tutto il respiro del mondo, che vuole ossigeno in cambio di vita, e quando tu vivi c’è gioia nel fiato che respiri.

Annunci