Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Gli approdi invisibili

Il piccolo volume di poesie edito (anche in questo caso) dalla ‘round midnight edizioni sembra chiedere al lettore di prenderlo e sfogliarlo, dargli l’opportunità di svelare il prezioso tesoro che contiene. La barca di carta disegnata sulla copertina (da una bravissima Anna Giordano) in balia di onde impazzite di un mare che ha il volto di una donna, ci suggerisce la fragilità e allo stesso tempo la semplicità di poesie che sanno farsi ascoltare e farsi spazio dentro di noi.

In questo nuovo lavoro di Argia Maina, le parole si trasformano in onde e dettano il ritmo del vagare in un mare di versi, seguendo i moti dell’animo, e lasciandosi impazzire da una luna che non è mai nominata ma che si manifesta come un approdo al quale giungere, e dal quale ripartire, dopo aver colmato la mano del palmo di un’altra mano, complice del nostro stesso sentire.
“Partenza”. “Attraverso”. “L’approdo”.
Sono le tre parti in cui è divisa la silloge; tre parole che a leggerle insieme ti danno il senso ultimo dell’intero volume: la destinazione non è mai il fine ultimo, ma a volte un approdo è solo la partenza per un nuovo viaggio.
C’è tanta maturità e tanta consapevolezza in questa voce che racconta e spiega e si offre nuda al destinatario di un messaggio intimo.
La poesia di Argia si conferma carezza per lo spirito; portavoce di un sentimento comune.

Per informazioni e acquisto http://www.roundmidnightedizioni.it/book/gli-approdi-invisibili/

Annunci