Risultati immagini per diari di donne in panchina

Buongiorno amici lettori,

oggi mi trovo a recensire una raccolta di racconti scritta da Fiorella Carcereri, “Diari di donne in panchina” e edita da Arpeggio libero editrice, che ci permette di portare l’attenzione sull’amore malato, sulla fragilità e sul bisogno di trovare lungo il proprio cammino persone fidate e sincere.

Protagoniste di questa raccolta sono le donne, e quelle presentate in questi cinque racconti scritti da Fiorella purtroppo si trovano a fare i conti con uomini psicologicamente crudeli, insensibili, egoisti. Ma sono anche donne che purtroppo dimostrano di non avere difese, scudi, protezione.

Le donne in panchina, allora, sono le donne che hanno bassa autostima, donne che non si amano abbastanza, talmente insicure e bisognose di attenzione da cadere dopo poche battute nelle grinfie o nelle braccia o nelle parole di chi dimostra anche solo un minimo di interesse per loro.

Le donne in panchina sono quelle che, pur di avere attenzione, si accontentano di essere trattate anche come stracci vecchi da chi non ha sentimenti ma solo interesse ad alimentare il proprio ego.

Sono donne che desiderano un riscatto, una vendetta, quando comprendono (ma solo dopo averci sbattuto più volte la testa) di avere a che fare con persone indegne, e si mostrano buffe all’apparenza in questi tentativi che non portano a molto, purtroppo.

In alcuni punti, proprio questi comportamenti mi hanno fatto storcere il naso. Ho trovato alcune situazioni poco credibili, ma è vero che spesso la realtà supera la fantasia e mi sono rattristata all’idea che esistano al mondo donne così fragili da comportarsi nei modi raccontati da Fiorella.

Anche se l’autrice intende evidenziare la diversa sensibilità che c’è tra l’animo maschile e quello femminile, ai miei occhi salta invece un’altra caratteristica di tutti i personaggi narrati: in qualche modo, ognuno di essi, è “malato”; ognuna delle anime descritte ha problematiche molto profonde. Gli uomini per egoismo, le donne per bassa autostima, entrano in connessione sempre personalità che in qualche modo sono “rotte”.

E così ritroviamo donne che prendono treni e fanno chilometri per incontrare uomini che non hanno mai visto prima di persona e che non conoscono per niente. Donne che decidono di partire e andare all’estero con degli sconosciuti. Donne che si fanno calpestare e stalkerizzare e che dopo tre incontri fuggitivi anche soltanto di scambi di messaggi si dicono già innamorate.

Personalmente non le ho trovate credibili, ma voglio immaginarle come persone molto fragili, corrotte dalle cattive esperienze che hanno avuto nella vita. E credo che questo fosse l’intento di Fiorella: spingere all’estremo delle situazioni nei toni e nelle descrizioni per denunciare qualcosa. E quello che ne emerge sono tanta rabbia e tanta tristezza.

Fiorella denuncia qualcosa: non è l’evidente rapporto tra uomo e donna, ma il bisogno di rapporti autentici e curati; rapporti di rispetto; il bisogno di attenzione di persone fragili che non è quella data da un uomo ma da una persona che tiene davvero al nostro benessere. Credo sia questo lo scopo di questa raccolta, l’intenzione di Fiorella.

Per info sull’autrice http://www.arpeggiolibero.com/autori/manufacturers/fiorella-carcereri?tmpl=component e acquisto libro http://www.arpeggiolibero.com/lista-categorie/racconti/diari-di-donne-in-panchina.html

 

Annunci